domenica 16 giugno 2019

Grideranno le pietre

Se questi taceranno,
grideranno le pietre!

E questi siamo noi non altri, questi
che rispondiamo  sublime saluto
degli angeli, la notte di Natale.

Se questi taceranno,
grideranno le pietre!

Noi, degni, pii, partecipi, noi seme,
sopravanzati da roccia d'argilla,
da sassi lungo il fiume, da granaglie,

se taceremo infatti,
grideranno le pietre!

L'incanto, le occasioni, l'indicibile,
che rivelandosi si cela ancora,
che soggioga in me l'anima e risuona,

se allora tacerò,
grideranno le pietre!

domenica 9 giugno 2019

Realtà

Sopra le mie aspirazioni 
soffia leggero un maestrale
questa temperie risale,
turbina, soffia, riscende.

Uno, duecento, milioni
storie, racconti, poesie,
favole, sogni, bugie,
moti, motivi e ragioni.

Maschere di un carnevale
d'occhi coperti di bende,
l'oggi mi lascia e mi prende
nelle mie oscure prigioni.

È la realtà che mi vende
copie per l'originale.  

domenica 2 giugno 2019

Una sola cosa conta

Una sola cosa conta
una sola, dentro, fuori,
una sola, frutti, fiori,
semi piante, estate e inverno.

Una sola, la sua impronta
sopra i mari, sopra i cuori,
vita, pianto, riso, allori,
morte, paradiso e inferno.

Tutto si anima e racconta
di quell' attimo che vola
quando dal silenzio eterno
nasce musica e parola.

Una sola cosa conta
questa, questa e questa sola.

domenica 26 maggio 2019

Mistero

L'amore non è regola, è figura,
dove c'è amore regna il suo dolore 
e chi vende il coraggio e la paura
sa cosa in fondo cela il suo creatore.

Dove c'è lui, c'è il pane quotidiano,
dove c'è il peso, il peso è sollevato,
il non sapere è segno di sventura,
la sua carezza segna la sua mano.

Così per tutte e tutti c'è un colore,
per tutti una richiesta, un fare e un fato,
e non inaridisce nessun fiore
se batte la sua pioggia sopra il prato.

Ecco, quel fiore adesso è un sole arcano,
mistero di una fede dura e pura.

domenica 19 maggio 2019

Cosa

Cosa rimane degli anni passati
a raccontarsi che la vita è sogno,
cosa, se il mondo revoca il bisogno,
se il fiato è corto e miti son bagnati?

Cosa ci appare dopo l'ombra a strati
che ricopre la mia aura, un segno?
Un invincibile parola? Impegno 
a dire, a fare, ad essere impegnati?

E a dire e a fare, cosa da di ingegno?
Cosa si mostra all'occhio del poeta?
Cosa si ottiene a distillare il sogno,
l'orgoglio, il mio passato, la mia meta,

l'inganno, la passione più segreta?
Vento che sibila nella pineta.

domenica 12 maggio 2019

Trame

Significante, l'anima mi chiama,
austero risvegliarsi del mio sé, 
dove non c'è certezza né perché,
fulgido dispiegarsi di una trama.

Prendendo il largo, plana su una lama
piena democrazia dentro di me,
l'intento è retto da forme, e non è 
tiranno, non giudica e mi ama.

Su un' altra sponda il mare è tempestoso
le idee non si comandano né vivono
di regole, ma d'odio rancoroso,

le ultime verità sono a riposo,
le intimità non pensano né scrivono
le trame che i poeti gli descrivono.

domenica 5 maggio 2019

Riflettere

Retta sull'acqua, la natura nomina
il prossimo tormento
mostrandosi benigna per i semplici
ma perfida per te,
che affondi nei sussulti e nelle attese.
Distrarsi o dimorare nel presente?
L'unica è riflettere! 

domenica 28 aprile 2019

Foglia

Sottile come foglia,
per logica, per arte, per ingegno,
si accorge il senso d'essere parola 
e mostra la sua faccia conosciuta.
Senza il peccato, nulla andrebbe in scena,
senza la scena, il palco è solo noia.
Recita la tua parte!

domenica 21 aprile 2019

Forma

Fin sulla soglia di tenere promesse 
gli sguardi benintesi e malaccorti
sorgono silenziosi.
Si offenda il cielo di tanta bellezza,
l'ombra raccolga la sua melanconia,
s'erga sinuosa la forma, e l'incanto 
lasci cadere il suo velo!

domenica 14 aprile 2019

Solitudine

E silenziosamente dentro me
s'eleva dignitoso il vero senso,
sgorga un sorriso denso:
onore al mio Signore, al sommo sé!

Se questa è solitudine,
amandola respiro il suo colore
con gioia e gratitudine!